Grassi idrogenati: cosa sono, come riconoscerli e come evitarli

cibi con grassi idrogenati fanno male alla salute

I grassi idrogenati fanno male? Questi grassi non sono naturalmente presenti negli alimenti, ma derivano da processi industriali e sono, quindi, presenti nei cibi lavorati. Quando consumati nella dieta, hanno solo aspetti negativi in relazione alla salute ed è meglio preferire altre fonti lipidiche in quanto non sono nutrienti essenziali per l’organismo: come evitarli?

Cosa sono i grassi idrogenati e l’idrogenazione? Definizione e significato

I grassi idrogenati vengono sintetizzati a partire da grassi polinsaturi. tramite il processo di idrogenazione, che prevede:

  • temperature elevate,
  • presenza di un metallo che facilita la reazione (es. nichel).

Per capire come avviene la loro sintesi, bisogna cercare la risposta nella chimica. I grassi polinsaturi presentano lungo la catena carboniosa più doppi legami, caratteristica che non permette ai carboni di essere “saturi” di atomi di idrogeno: ogni carbonio può effettuare 4 legami, perciò se tre sono già impegnati con i carboni della catena (ad esempio, uno singolo con quello prima e uno doppio con quello successivo), ha a disposizione un solo legame per l’idrogeno.

Lo stimolo del calore fa rompere i doppi legami, che diventano singoli: i carboni così possono legare atomi di idrogeno ed essere “saturi” allo stesso modo degli acidi grassi saturi naturalmente.

Tuttavia, è un processo che avviene in maniera incompleta, poiché alcuni doppi legami si ricostituiscono in conformazione trans.

A cosa servono i grassi idrogenati?

alimenti grassi idrogenati

Dal punto di vista nutrizionale, i grassi idrogenati non servono: non sono nutrienti indispensabili (al contrario dei grassi essenziali) e il corpo può farne a meno. Infatti, l’organismo non ha vie metaboliche per sintetizzarli autonomamente, come invece succede per altri grassi in/saturi in caso di necessità.

Allora perché esistono e vengono consumati?

Perché risultano, invece, utili nell’industria durante la produzione, la conservazione e anche la vendita. Il processo di idrogenazione permette di ottenere prodotti a basso costo e che hanno proprietà chimico-fisiche vantaggiose:

  • sono più stabili (la sostanza da liquida diventa semi-solida/solida),
  • si conservano più a lungo,
  • la freschezza viene mantenuta per più tempo,
  • hanno un buon sapore e risultano appetibili al consumatore.

Dove si trovano e come riconoscere i grassi idrogenati? Alcuni esempi

cibi con grassi idrogenati nella dieta

Le sostanze che possono essere idrogenate sono singoli grassi o miscele di grassi (non precedentemente idrogenati e si trovano in moltissimi prodotti industriali come:

  • brioche,
  • cereali da colazione,
  • barrette,
  • gelati,
  • margarina,
  • merendine,
  • altri prodotti da forno.

Guida PDF gratuita

Dieta - Guida completa

Scopri i principi del dimagrimento e due approcci efficaci per dimagrire senza fallire. 

Dieta Guida ProjectInvictus

Iscrivendoti, accetti la condivisione con la piattaforma di gestione mail Mailchimp (privacy policy).
Altre info nella nostra privacy policy.

 

Grassi idrogenati: perché fanno male? Aspetti negativi e danni

I grassi idrogenati dal punto di vista della salute si comportano come i grassi saturi e sono anche più dannosi. Infatti, il limite di assunzione giornaliero per gli idrogenati è molto più basso rispetto a quello dei saturi.

Il consumo eccessivo di grassi idrogenati è un fattore di rischio significativo per l’insorgenza di:

  • patologie cardiovascolari,
  • cancro,
  • diabete.

L’eccesso di grassi incrementa il livello delle LDL (lipoproteine a bassa densità o, più comunemente, colesterolo cattivo), fattore di rischio a sua volta associato all’aterosclerosi, l’infarto, il diabete e il cancro. Le LDL sono facilmente ossidabili e danno luogo al processo aterosclerotico, che prevede la progressiva formazione di una placca che ostruisce il passaggio del sangue nelle arterie.

Dall’altra parte, abbassano la concentrazione ematica delle HDL (lipoproteine a alta densità o colesterolo buono), che esplica una funzione protettiva.

Inoltre, vengono alterate la risposta insulinica, la funzionalità cellulare, il sistema immunitario, la produzione dei radicali liberi.

Come evitare e come sostituire i grassi idrogenati nella dieta? 

grassi idrogenati nella dieta

Nella dieta i grassi non sono da eliminare (quanti grassi assumere?), ma bisogna saper scegliere le fonti lipidiche più opportune, in modo da limitare o evitare quelle più ricche di grassi “cattivi” per preferire i grassi buoni.

Ad oggi è veramente difficile non assumere grassi idrogenati, proprio perché sono presenti in moltissimi alimenti, anche se bisogna riconoscere che in seguito all’individuazione della correlazione (relativamente recente) tra il loro consumo e l’insorgenza di patologie il contenuto negli alimenti è stato ridotto.

Per limitarne l’assunzione e allo stesso tempo garantire un adeguato apporto di grassi nella dieta è opportuno:

  • evitare il consumo di prodotti industriali lavorati, dai un’occhiata alla tabella dei valori nutrizionali e alla lista degli ingredienti: più è breve e meno il prodotto è lavorato;
  • limitare i prodotti confezionati e preferire quelli freschi, ad esempio un frutto come spuntino piuttosto che una merendina;
  • modifica le tue abitudini alimentari se queste comprendono un ampio consumo di grassi idrogenati;
  • non assumere troppi grassi nella dieta e preferire le fonti di grassi buoni ricchi di lipidi insaturi come il pesce, la frutta secca, i semi, alcuni oli vegetali (vedi: grassi vegetali).

Guida PDF gratuita

Dieta - Guida completa

Scopri i principi del dimagrimento e due approcci efficaci per dimagrire senza fallire. 

Dieta Guida ProjectInvictus

Iscrivendoti, accetti la condivisione con la piattaforma di gestione mail Mailchimp (privacy policy).
Altre info nella nostra privacy policy.

Approfondisci le conoscenze su "Macronutrienti e micronutrienti" con:

Project Nutrition seconda edizione copertina

Project Nutrition – 2nd Edizione – Il libro della nutrizione

Libro sull’alimentazione

 39,90 Aggiungi al carrello
Come imparare a gestire i carboidrati

Ebook come gestire i carboidrati

Come imparare a gestire i carboidrati

 23,00 Aggiungi al carrello

Dott.ssa Lucia Ienco

Dopo la maturità scientifica, prosegue gli studi conseguendo laurea triennale in Biotecnologie e subito dopo magistrale in Scienze dell'Alimentazione con tesi nell'ambito della nutrizione sportiva, tema che ha approfondito e su cui continua ad aggiornarsi tramite libri, seminari e articoli evidence-based. Da inizio 2020 è articolista inVictus e si occupa della stesura e revisione degli articoli nel settore alimentazione e nutrizione. Maggiori informazioni

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy