Il grasso ostinato, il set point, cosa dobbiamo sapere a riguardo

Il grasso ostinato, il set point, cosa dobbiamo sapere a riguardo

Cos’è il grasso ostinato e cosa centra col set point. Se pensate che il grasso ostinato sia sempre lo stesso, che il grasso sulla pancia, i fianchi , sia fisso li da anni, questo è l’articolo che fa per voi. Cosa dobbiamo sapere se vogliamo sconfiggere il detestato grasso ostinato.

La mano di Sara si spostò lungo il letto, sopra le lenzuola, alla ricerca del telecomando. Il palmo avvertì qualcosa di molle, tiepido, si sarebbe detto un cuscino imbottito se non fosse stato il ventre del marito.
Sara conosceva bene quella parte anatomica, era sposata da ormai 30 anni e Luca aveva sempre avuto la pancia.
Rivedeva la stessa budria da una vita, mentre facevano un tempo l’amore, mentre stava seduto in bagno, al mare.
Era sempre li, un po’ come la sua cellulite, un cane fedele che non lo avrebbe abbandonato mai. 

Cos’è il grasso ostinato? per spiegarlo e comprenderlo dobbiamo introdurre due concetti fondamentali: il SET POINT ed i RECETTORI CELLULARI DELL’ADIPOCITA. Potrebbe anche esservi utile, se non l’avete fatto, leggere l’articolo precedente sull’organo adiposo.

Cos’è il setpoint

Ogni giorno siamo sempre uguali (o quasi) eppure centinaia di  migliaia di cellule muoiono ed altrettante ne rinascono, comprese quelle adipose. Noi abbiamo un continuo turnover cellulare, quello degli adipociti dura 8-10 anni. Geneticamente esiste un SET POINT che stabilisce quante cellule adipose abbiamo, l’alimentazione fino a 10 anni d’età lo può influenzare notevolmente, da adulto invece risulta essere molto più difficile. Si crea così un equilibrio tra vita e morte cellulare e noi tenderemo sempre ad un certo numero di adipociti. Per perdere peso non possiamo diminuire le nostre cellule grasse.

Il dimagrimento si focalizza, così, principalmente sul  cambiarne la dimensione dell’adipocita,  tuttavia la cellula adiposa è caratterizzata da una particolare forma sferica,

adipocita e grasso ostinato

la quale determina un rapporto ottimale di distribuzione del grasso nello spazio e di tensione tra parte intracellulare ed extracellulare. Sia quando si riempie ma soprattutto quando si svuota, tende a riprendere la sua forma originale sostituendo gli acidi grassi persi con acqua (motivo per cui ad un certo punto sembra che smettiamo di dimagrire, continuiamo a perdere grasso ma esteticamente non si vede). Si crea così un forte controllo omeostatico dell’adipe caratterizzato anche da influenze ormonali che oggi non vedremo. In definitiva il SET POINT stabilisce un punto di equilibrio a cui il grasso corporeo tende in continuazione,  calorie in eccesso o in difetto lo spostano, MOLTO LENTAMENTE, nel tempo, mediamente 5 anni (in realtà negli ultimi anni si è fatta una distinzione tra set point e setting point ed è quest’ultimo a modificarsi negli anni).

Adipociti Alfa e Beta, cosa sono

Gli adipociti non sono tutti uguali, possiedono specifici recettori (per semplificare li chiameremo alfabeta ma il discorso è ben più complesso), i primi hanno globalmente un effetto antilipolitico (tendono a trattenere il grasso) mentre i secondi all’opposto lipolitico. Viene così spiegato il motivo per cui il grasso non viene mai perso in maniera omogenea ma ci sono sempre zone più resistenti (con adipociti con recettori alfa).

recettori adipocita

Il grasso ostinato tende a subire il medesimo tournover degli altri grassi, tuttavia gli adipociti (alfa) in questione appena rilasciano trigliceridici cercano di richiamarli immediatamente al loro interno in un ciclo quasi futile. Durante il dimagrimento TUTTE le cellule si svuotano ma quelle del grasso ostinato richiamano immediatamente i trigliceridi espulsi nel flusso ematico.

grasso resistente

Se aggiungiamo a questa situazione problemi di microcircolo sanguigno, livelli ormonali non ottimali, capiamo che combattere il grasso ostinato sia molto più complesso del previsto. Quello che  oggi ci preme sottolineare, prima di spiegare nei prossimi articoli, diverse strategie alimentari e di allenamento mirate al grasso ostinato, è come quest’ultimo in realtà non sia sempre lo stesso ma sia soggetto, come tutte le cellule del nostro corpo ad un continuo turnover.

Gli adipociti muoiono e rinascono, si svuotano e si ririempiono, sono le nostre abitudini alimentari e sportive che nel LUNGO PERIODO inclinano gli equilibri del corpo.

Possiamo cambiare il rapporto tra i macronutrienti, la composizione della colazione e della cena, il tipo dall’allenamento, ma per rimuovere l’ultimo strato di grasso ostinato ci vuole molta pazienza e tempo, perchè in definitiva stiamo combattendo contro la nostra genetica alla ricerca d’un modello estetico che forse ha ben poco di naturale.

grasso ostinato

Approfondisci le conoscenze su "Strategie per dimagrire" con:

Project Nutrition

Project Nutrition

Libro sull’alimentazione

 36,90 Aggiungi al carrello
In offerta!
Project Diet Vol.1-2

Project Diet Vol.1-2

Tutte le diete del mondo in un unico libro (anzi 2)

 73,80  69,90 Add to cart
Andrea Biasci

Andrea Biasci

Professore universitario a contratto all'università Statale di Milano. Fondatore del Project inVictus. Maggiori informazioni

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy