Il metabolismo

metabolismo cos'è

Il metabolismo è l’insieme delle reazioni biochimiche che avvengono nel tuo organismo.

Il metabolismo a livello cellulare è l’insieme di reazioni anaboliche e cataboliche e il suo scopo è produrre energia e macromolecole complesse importanti dal punto di vista biologico.

Uno stile di vita attivo e una dieta adeguata sono due strumenti molto utili per tenere attivo o aumentare il metabolismo.

Metabolismo: che cos’è in parole semplici?

Ogni giorno, le nostre cellule vanno incontro a numerosissime reazioni da cui ottengono energia (ATP) e molecole indispensabili per la loro vita e per quella dell’organismo. L’insieme di queste reazioni chimiche viene chiamato metabolismo, termine che significa trasformazione in quanto durante questi passaggi vengono formate sostanze diverse da quelle di partenza.

Le sostanze endogene ed esogene vengono metabolizzate in vari modi e per vari scopi attraverso le vie metaboliche, che sono una serie di passaggi biochimici che portano da un substrato a uno o più prodotti

Una distinzione fondamentale è quella tra vie anaboliche e cataboliche, che rappresentano le branche in cui viene diviso il metabolismo, ovvero l’anabolismo e il catabolismo.

Quali sono le funzioni del metabolismo?

metabolismo

Il metabolismo ha il compito di ottenere energia e sostanze fondamentali per la vita dell’organismo, partendo dagli alimenti che assumi con la dieta oppure dalle sostanze già presenti.

Da questi substrati di partenza, tramite le reazioni metaboliche, le nostre cellule ricavano:

  • materiale per la costruzione e il mantenimento dei tessuti (funzione plastica);
  • energia necessaria per far funzionare organi e apparati o per sostenere un’attività fisica (funzione energetica);
  • sostanze che fungono da molecole segnale per le reazioni cellulari (funzione regolatrice).

Questi prodotti possono restare all’interno delle cellule che li hanno generati oppure essere trasferiti a tessuti che ne hanno bisogno.

Si può aumentare il metabolismo? Come?

Spesso si sente parlare di metabolismo lento o veloce, facendo riferimento rispettivamente alla maggiore o minore possibilità di ingrassare.

In realtà non esiste una velocità del metabolismo, ma è più corretto parlare di inefficienza o efficienza metabolica.

L’inefficienza metabolica consiste in una maggiormente dispersione in calore dell’energia assunta con gli alimenti: il corpo è “sprecone” proprio perché molta energia la butta via invece di utilizzarla: la possibilità di ingrassare è minore.

Al contrario, l’efficienza metabolica consiste in una minore dispersione in calore dell’energia proveniente dal cibo, in quanto il corpo “fa tesoro” di ciò che gli viene dato: c’è più rischio di ingrassare.

Oltre a questo, bisogna considerare il metabolismo come il dispendio energetico totale. Quando il metabolismo si alza e si abbassa, cambia prevalentemente il dispendio energetico, in particolare il NEAT, ovvero il dispendio non dovuto ad attività fisica ma alle attività quotidiane, spontanee e non.

Per aumentare il metabolismo devi agire sia sull’allenamento sia sull’alimentazione, ma anche sullo stile di vita: tieniti attivo il più possibile: percorri circa 7-10 mila passi al giorno.

Infine, se hai seguito una dieta ipocalorica e ipoglucidica per tanto tempo, incrementa gradualmente la quota di carboidrati: questi macronutrienti oltre a sostenere la performance in allenamento, ripristinano l’assetto ormonale modificato dalla restrizione calorica.

Se sei in una condizione di stallo metabolico, dai un’occhiata al nostro articolo linkato per capire come uscirne e riprendere a dimagrire.

Bibliografia

  • Biologia Cellulare e Molecolare – Karp
  • Alimentazione, Nutrizione e Salute – Debellis, Poli
  • Biochimica della Nutrizione – Leuzzi, Bellocco, Barreca
  • Le Basi Molecolari della Nutrizione – Arienti
  • I Principi di Biochimica di Lehninger – Nelson e Cox

 

Note sull’autore: Andrea Barone

Laureato magistrale in “Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana” (prossimo all’esame di stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di biologo nutrizionista) e triennale in “Scienza della Nutrizione”.

Invictus Trainer che esercita da circa 4 anni l’attività di personal trainer, con l’obiettivo di migliorare la composizione corporea dei suoi clienti e correggere le loro abitudini alimentari. Aspira a crescere professionalmente nel settore sportivo agonistico in qualità di preparatore atletico e/o personal trainer curando parallelamente l’aspetto nutrizionale degli atleti.

4.9/5 - (9 votes)