Ogni quanto mangiare per dimagrire?

Ogni quanto mangiare per dimagrire?

Uno dei più famosi falsi miti nel mondo della nutrizione riguarda la frequenza dei pasti (meal frequency), con la convinzione che ci sia un certo vantaggio (aumento del metabolismo) nel mangiare più volte al giorno, con pasti piccoli e frequenti rispetto all’assumere le stesse calorie in pochi pasti ma più abbondanti.

Potresti dimagrire, incrementare il metabolismo, aumentare il fabbisogno calorico giornaliero, ridurre la fame e controllare l’appetito, avere più energia per l’allenamento in palestra!

Non saltare la colazione, fare 3 pasti giornalieri, 8 spuntini al giorno, mangiare ogni 2 ore, … Ogni quanto mangiare?!

O non ha senso prestare troppa attenzione al numero e alla frequenza dei pasti?

Mangiare poco o spesso attiva il metabolismo?

Frequenza dei pasti

C’è l’idea che aumentare il numero dei pasti porti ad incrementare il metabolismo ed incentivare così la perdita di massa grassa.

C’è l’idea che stare troppe ore senza consumare un pasto causi un rallentamento del metabolismo e una condizione metabolica (starvation mode) che conduce al blocco della perdita di peso. Un’idea del tutto infondata: infatti, anche chi pratica il digiuno intermittente e sta molte ore senza mangiare dimagrisce.

In realtà pochi studi nel passato avevano appoggiato queste teorie. Uno di questi è stato condotto sugli animali e ha dimostrato che i cani che mangiavano 4 pasti al giorno presentavano una risposta termogenica maggiore rispetto ai cani che consumavano un solo pasto giornaliero. In un altro studio, lo stesso gruppo di ricercatori ha dimostrato lo stesso effetto sugli uomini, giustificandolo tramite la maggior attivazione del sistema nervoso simpatico. Numerosi altri studi non hanno invece trovato differenze significative.

Il fatto che negli animali si siano riscontrati certi risultati non dovrebbe però stupire: soprattutto quelli più piccoli, hanno una durata di vita media molto inferiore rispetto agli uomini e stare già alcune ore senza mangiare potrebbe equivalere ad una intera giornata e più di digiuno per l’uomo.

Gli aumenti della termogenesi dovuti alla frequenza dei pasti sono spesso correlati al TEF (termic effect of food) o effetto termico indotto dal cibo (chiamata anche DIT da dietary induced thermogenesis). Il TEF rappresenta una piccola parte dell’energia consumata dal corpo durante la giornata. Per l’esattezza si tratta della quantità di energia consumata dopo un pasto. Essa rappresenta in pratica la quantità di energia che viene utilizzata dal corpo per digerire ed assorbire i macronutrienti.

Il TEF differisce a seconda del tipo di macronutriente digerito: il consumo di energia per la digestione dei carboidrati è pari infatti al 5-10%, quello delle proteine arriva fino al 20-30% circa mentre per i grassi si aggira intorno allo 0-3%. In generale l’effetto termico indotto dal cibo con un pasto misto si stima abbia un valore pari al 10% circa del metabolismo: ogni volta che consumi un pasto viene bruciato il 10% circa delle calorie contenute al suo interno.

In una meta-analisi condotta da Bellisle nel 1997, non era stata però trovata alcuna correlazione tra la frequenza dei pasti e l’aumento della spesa energetica del corpo. Questa risulta essere uguale indistintamente dal numero dei pasti che si sceglie di consumare durante la giornata.

Infatti, più ricco è il pasto maggiore è anche il TEF.

Per fare un esempio pratico, quando con una dieta di 1800 kcal consumi sei pasti al giorno di 300 kcal ciascuno il valore del TEF per ogni pasto è pari a 30 mentre il TEF totale durante la giornata avrà un valore pari a 180. Se consumi la stessa quantità di calorie però in tre pasti da 600 kcal ciascuno in questo caso il TEF per ogni pasto sarà di 60 mentre quello totale sarà sempre di 180.

Ha senso mangiare ogni ora, ogni 2 o ogni 3 per dimagrire?

E’ stato più volte ipotizzato che l’aumento della frequenza dei pasti possa essere direttamente collegato con la perdita della massa grassa e che possa anche favorire il mantenimento della massa muscolare (ideale quindi nelle diete per dimagrire). Esistono infatti diversi studi osservazionali che indicano una correlazione inversa tra frequenza dei pasti e la percentuale di tessuto adiposo.

Uno dei pochi casi in cui la frequenza dei pasti può risultare rilevante è quando la quantità di proteine consumate durante la giornata è insufficiente. In questo caso dividere le proteine in più pasti sembra permettere di risparmiare più massa magra.

Nella prima meta-analisi in assoluto condotta sulla correlazione tra frequenza dei pasti e composizione corporea era emerso in una prima battuta un piccolo vantaggio nel consumare più pasti al giorno. Fatta eccezione per alcuni studi che comunque presentavano limitazioni, è emerso invece che non sembra esserci alcuna differenza tra chi consuma più o meno pasti al giorno.

Da tener conto però che la meta-analisi ha raccolto una serie di studi esclusivamente su soggetti sedentari. È stato diverse volte ipotizzato – anche attraverso alcuni riferimenti scientifici – che dopo un allenamento i muscoli sono più recettivi al consumo di proteine mostrando quindi un possibile maggior vantaggio nell’aumentare la frequenza dei pasti nell’incremento della massa muscolare nelle 24 ore successive l’allenamento.

  • Fare più pasti ravvicinati tra loro (ogni 1, 2, 3 ore) non aumenta il metabolismo e quindi non fa dimagrire di più: a meno che questo non ti aiuti, in regime ipocalorico, a mantenere più aderenza alla dieta.

Ogni quante ore mi conviene mangiare?

La frequenza migliore, da mantenere nel corso della settimana, è quella che riesci a seguire a seconda del tuo stile di vita e delle tue abitudini. La mattina devi correre a lavoro e non hai tempo o voglia di prepararti la colazione? Non farla. Hai invece tempo a disposizione e ti piace cucinarti un pancake o fare colazione in tranquillità a casa? Fai colazione.

E vale lo stesso per gli altri pasti: ognuno ha i suoi tempi, i suoi impegni e preferisce mangiare poche volte e con pasti consistenti o fare numerosi piccoli spuntini durante la giornata.

L’importante non è quante volte mangi, ma quanto e come mangi nel lungo periodo!

Ogni quanto mangiare per la palestra e il bodybuilding?

Per quanto detto finora la frequenza dei pasti non ha alcuna importanza dal punto di vista di modificazioni a carico della composizione corporea. Questo perché negli studi sono state considerate persone sedentarie.

Per chi fa palestra o bodybuilding è consigliato consumare circa 3-4 pasti al giorno per massimizzare i guadagni ipertrofici soprattutto con pasti proteici (almeno 20 g di proteine a pasto). Gli effetti anabolici di un pasto durano infatti circa 6 ore e sono dovuti soprattutto all’effetto dell’aminoacido leucina, fattore importante da considerare se stai seguendo una dieta per la massa.

20-30 g di proteine contengono circa 2-3 g di leucina che è stato dimostrato essere la quota ottimale per massimizzare la sintesi proteica, eccetto in soggetti anziani dove la soglia aumenta fino a 35-40 g di proteine (3-4 g di leucina).

Saltare la colazione fa ingrassare?

frequenza pasti importante

Uno dei consigli cardine di quasi ogni dieta e delle varie linee guida nutrizionali è di non saltare mai la colazione perché considerato da molto tempo il pasto più importante della giornata.

Questo perché diversi studi osservazionali mostrano una certa correlazione tra il consumo di un pasto al mattino, la perdita di peso e il miglioramento della composizione corporea. Questo perché la colazione potrebbe avere effetti positivi nel migliorare il controllo della fame durante il corso della giornata, avere più energie a disposizione e fornire un quadro metabolico migliore.

Però gli studi osservazionali non implicano la presenza di una relazione causa-effetto. Molti di questi non tengono conto del fatto che le persone che tendono a fare una colazione ricca e sostanziosa sono anche quelle più meticolose nel controllare il proprio apporto calorico. Pare infatti che queste siano più abituate a consumare frutta, verdura ed alimenti ricchi di fibre.

Le persone che saltano la colazione solitamente tendono spesso a mangiare di più e/o male e di conseguenza ad ingrassare.

  • In conclusione, non sembra esistere una posizione univoca riguardo all’importanza della colazione e la scelta sul farla o meno può basarsi sulla preferenza personale e sulle tue abitudini alimentari e non. E’ sempre l’introito calorico giornaliero/settimanale a far da padrone.

Infrequenza e frequenza dei pasti

Non sembra esserci differenza nella scelta del numero dei pasti giornalieri, mentre cosa succede se c’è una certa infrequenza nel corso della settimana?

Questa può portare a squilibri metabolici, soprattutto a livello glucidico e lipidico. Inoltre, in alcuni studi su donne è emerso che l’infrequenza comporta un peggioramento della sensibilità insulinica  con un incremento dell’insulino resistenza e una riduzione dell’effetto termico del cibo (TEF), con tutti gli effetti negativi sulla composizione corporea e sul quadro metabolico che ne conseguono (aumento del colesterolo totale e LDL in particolare).

Al di là della scelta del numero dei pasti che risulta quasi del tutto ininfluente ai fini dei nostri risultati, è preferibile e raccomandabile quindi mantenere costantemente più o meno lo stesso numero dei pasti durante il corso della settimana per evitare possibili effetti negativi sulla salute.

Fame e sazietà

Alcuni studi hanno mostrato che quando le stesse quantità di calorie vengono consumate in piccoli pasti durante il corso della giornata si riesce ad avere un maggior controllo dell’appetito correlando tale risultato probabilmente ad una attenuazione della risposta all’insulina.

Altri studi invece hanno mostrato proprio l’esatto contrario, rivelando che l’aumento della frequenza dei pasti potrebbe causare un aumento della fame e del desiderio di mangiare.

Proprio per il fatto che le posizioni non sono univoche e non esiste una soluzione che vada bene per tutti, è consigliato semplicemente mangiare quando hai fame in base anche alle tue necessità e allo stile di vita.

Se hai problemi a controllare l’appetito puoi comunque ricorrere all’ormai noto “digiuno intermittente”, che è uno strumento utile per riuscire a distinguere la fame limbica o appetito da quella somatica (quella vera).

Conclusioni sulla frequenza dei pasti giornalieri

In realtà non esiste una frequenza migliore; o meglio, la frequenza migliore è quella che si inserisce meglio nelle tue abitudini alimentari. Se per impegni lavorativi o di studio ti trovi più a tuo agio a fare solo 2 pasti o invece preferisci farne 5 o 6, sappi che sostanzialmente dal punto di vista del dimagramento o ingrassamento non cambia nulla.

Non ti resta quindi che scegliere e trovare la frequenza migliore che più si adatta a te, ricordandoti comunque che sono sempre le quantità di calorie e la ripartizione di macro e micronutrienti ad avere la priorità.

Co-autore: Ivan Pitrulli

Classe ‘92 laureato in scienze delle attività motorie e sportive presso l’università di Palermo, ha sviluppato durante gli studi la passione verso la letteratura scientifica attraverso la quale cerca di combattere i falsi miti che girano nelle palestre su allenamento e nutrizione.                                            [email protected]

1) Leidy et al 2011 – The effect of eating frequency on appetite control and food intake: brief synopsis of controlled feeding studies.

2) Fabry et al 1964 – The frequency of meals: its relation to overweight, hypercholesterolaemia, and decreased glucose tolerance

3) Fabry et al 1966 – Effect of meal frequency in school children: changes in weight-height proportion and skinfold thickness

4) Hejda et al 1964 – Frequency of food intake in relation to some parameters of the nutritional status.

5) Dubois et al 2009 – Breakfast skipping is associated with differences in meal patterns, macronutrient intakes and overweight among pre-school children

6) Deshmukh-taskar et al 2010 – The relationship of breakfast skipping and type of breakfast consumption with nutrient intake and weight status in children and adolescents: the National Health and Nutrition Examination Survey 1999-2006.

7) Giovannini et al 2010 – Symposium overview: Do we all eat breakfast and is it important?

8) Rampersaud et al 2005 – Breakfast habits, nutritional status, body weight, and academic performance in children and adolescents.

9) Dhurandhar et al 2014 – The effectiveness of breakfast recommendations on weight loss: a randomized controlled trial.

10) Piccini 2015 – La dieta più antica del mondo

11) Bellisle et al 1997 – Meal frequency and energy balance.

12) LeBlance et al 1986 – Effect of meal size and frequency on postprandial thermogenesis in dogs.

13) LeBlance et al 1993 – Components of postprandial thermogenesis in relation to meal frequency in humans.

14) McCrory et al 2011 – Eating Frequency and Energy Regulation in Free-Living Adults Consuming Self-Selected Diets

15) Palmer et al 2009 – Association between eating frequency, weight, and health

 

16) Cameron et al 2010 – Increased meal frequency does not promote greater weight loss in subjects who were prescribed an 8-week equi- energetic energy-restricted diet.

17) Westerterp et al 2004 – Diet induced thermogenesis

18) http://www.lookgreatnaked.com/blog/are-frequent-meals-beneficial-for-body- composition/

19) Iwao et al 1996 et al – Effects of meal frequency on body composition during weight control in boxers.

20) McDonald Lyle 2007 – Protein Book

21) Benardot et al 2005 – Between-meal energy intake effects on body composition, performance, and total caloric consumption in athletes

22) Arciero et al 2013 – Increased protein intake and meal frequency reduces abdominal fat during energy balance and energy deficit.

23) Stote et al 2009 – A controlled trial of reduced meal frequency without caloric restriction in healthy, normal-weight, middle-aged adults.

24) http://www.vivereinforma.it/alimentazione/item/la-frequenza-ottimale-dei-pasti

25) Schoenfeld et al 2015 – Effects of meal frequency on weight loss and body composition: a meta-analysis.

26) Layman 2004 – Protein quantity and quality at levels above the RDA improves adult weight loss.

27) Schouler & Aragon 2015 – Lean muscle diet

28) Farshchi et al 2004 – Regular meal frequency creates more appropriate insulin sensitivity and lipid profiles compared with irregular meal frequency in healthy lean women.

29) Farshchi et al 2004 – Decreased thermic effect of food after an irregular compared with a regular meal pattern in healthy lean women.

30) Speechly et al 1999 – Greater appetite control associated with an increased frequency of eating in lean males.

31) Smeets et al 2008 – Acute effects on metabolism and appetite profile of one meal difference in the lower range of meal frequency.

32) Ohkawara et al 2013 – Effects of Increased Meal Frequency on Fat Oxidation and Perceived Hunger

33) Munsters et al 2012 – Effects of meal frequency on metabolic profiles and substrate partitioning in lean healthy males.

35) http://www.bodyrecomposition.com/muscle-gain/meal-frequency-and-mass-gains.html/

Approfondisci le conoscenze su "Strategie per dimagrire" con:

Project Nutrition

Project Nutrition

Libro sull’alimentazione

 36,90 Aggiungi al carrello
In offerta!
Project Diet Vol.1-2

Project Diet Vol.1-2

Tutte le diete del mondo in un unico libro (anzi 2)

 73,80  69,90 Leggi tutto
Lucia Ienco

Lucia Ienco

Laureata in Biotecnologie presso l’Università di Trieste e studentessa magistrale in Scienze dell’Alimentazione presso l’Università di Firenze. Articolista inVictus ed esordiente di weightlifting a livello agonistico. Maggiori informazioni

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Prova il Project Quiz

Scopri i contenuti migliori sul dimagrimento, la nutrizione e l'allenamento in palestra.

Oppure scorri la pagina per continuare la lettura

Project Nutrition

Per essere padrone dei concetti e non schiavo delle diete

Project Nutrition: padrone dei concetti e non schiavo delle diete

Il libro per avere una visione completa su alimentazione

nutrizione dimagrimento.