Fibre insolubili: dove si trovano e quali sono

Fibre insolubili alimenti

Negli ultimi anni si parla molto delle fibre alimentari e della loro importanza per l’intero organismo e in particolare l’intestino e il microbiota. In questo articolo sulle fibre alimentari trovi una panoramica completa mentre qui ci concentreremo sulle fibre insolubili, il loro ruolo nella dieta e nel dimagrimento.

Cosa sono e quali sono le fibre insolubili? Esempi

Le fibre sono sostanze che non vengono digerite dall’organismo e che non forniscono energia all’organismo, ma che portano benefici sulla salute a livello sistemico. Queste comprendono, oltre alla fibre solubili, le fibre insolubili che sono in grado di assorbire l’acqua.

La fibra insolubile comprende la cellulosa, le emicellulose e le lignine.

La cellulosa è il più importante dei polisaccaridi strutturali che entra a far parte della costituzione delle pareti cellulari dei vegetali. Fa parte delle fibre altamente insolubili ed è un polimero del glucosio come l’amido, ma dall’amido si differenzia perché le molecole di glucosio sono legate con legame beta anziché con legame alfa (nell’uomo non esistono enzimi capaci di scindere il legame beta).

Le emicellulose sono componenti della parete delle cellule vegetali ed hanno una composizione chimica e strutturale variabile a seconda dei glucidi presenti nelle catene.

La lignina, invece, non è un polisaccaride bensì un polimero complesso composto da unità cicliche di fenilpropano e si trova associata alla cellulosa nelle pareti delle cellule vegetali.

 

Benefici e proprietà delle fibre insolubili

Castagne fibra insolubile

Gli effetti fisiologici delle fibre insolubili sono riconducibili principalmente alle loro proprietà fisiche di assorbire o trattenere acqua – la cellulosa purificata ha la capacità di assorbire acqua da 5 a 10 volte il suo peso, la crusca ne assorbe circa 25 volte. Quest’azione comporta:

  • aumento della massa fecale,
  • transito intestinale accelerato,
  • diminuzione della pressione endoluminale.

In sostanza, le fibre aumentano il peso ed il volume delle feci, diminuendone la consistenza ed agendo da regolatori della funzione intestinale.

Sulla base di queste azioni, è ipotizzabile che una maggior assunzione di fibre insolubili possa prevenire la stitichezza e possa proteggere da alcune malattie infiammatorie e ridurre il rischio di cancro al colon in quanto queste fibre riducono i tempi di contatto delle sostanza nocive con l’organismo, promuovendone l’evacuazione.

Guida PDF gratuita

Dieta - Guida completa

Scopri i principi del dimagrimento e due approcci efficaci per dimagrire senza fallire. 

Dieta Guida ProjectInvictus

Iscrivendoti, accetti la condivisione con la piattaforma di gestione mail Mailchimp (privacy policy).
Altre info nella nostra privacy policy.

 

Fibre insolubili per dimagrire

Cosa serve per dimagrire? Mangiare di meno rispetto a quello che consumi. E le fibre in questo che ruolo hanno? Poiché non vengono assimilate dall’organismo, se non in minima parte, queste non apportano calorie e, quindi, non contribuiscono ad elevare l’introito energetico.

Inoltre, hanno un effetto saziante che porta generalmente a regolare meglio il senso della sazietà durante il pasto e la giornata. Una dieta ricca di fibre è così consigliata in tutti i regimi ipocalorici ed in chi vuole seguire uno stile di vita sano, basato su cibi naturali e stagionali.

Per approfondire puoi leggere: cibo integrale e ricomposizione corporea.

In quali alimenti e cibi si trovano? Cosa mangiare?

Mandorle fibre insolubili

Quali sono gli alimenti ricchi di fibre? Il regno vegetale è quello che possiede le fibre insolubili. In generale troviamo tra gli alimenti più ricchi:

In generale, tutti i vegetali hanno una componente di fibre solubili ed insolubili ed a seconda dell’alimento cambia la percentuale; con delle eccezioni come l’avena e l’orzo, i cereali e le verdure hanno una percentuale maggiore di fibre insolubili.

Alimento Fibra insolubile (g/100g)
Crusca di frumento 41.13
Fave secche crude 20
Carrube 19.07
Fagioli Borlotti secchi crudi 15.71
Fagioli Cannellini secchi crudi 15.25
Fagioli crudi 15.14
Lenticchie secche crude 12.91
Castagne secche 12.66
Ceci secchi crudi 12.45
Mandorle dolci secche 12.04
Fagioli secchi 11.7
Fichi secchi 11.01
Farina di segale 10.69
Arachidi tostate 9.89
Mele disidratate 9.66
Lenticchie secche cotte  7.74
Castagne arrostite 7.61
Datteri secchi 7.49
Semi di zucca secchi 7.23
Fagioli cotti  6.78
Fagioli Cannellini secchi cotti  6.78
Fave secche sgusciate cotte  6.75
Farina di frumento integrale 6.51
Fagioli Borlotti secchi cotti  6.28
Piselli freschi crudi 5.8
Farro 5.75
Piselli freschi cotti  5.73
Noci secche 5.37
Pane di tipo integrale 5.36
Ceci in scatola scolati 5.3
Ceci secchi cotti 5.29
Biscotti integrali 5.07
Pasta di semola integrale cruda 5.02
Grano saraceno 5.01
Fiocchi d’avena 4.99
Fichi d’india 4.87
Fave fresche cotte  4.86
Prugne secche 4.84
Castagne, bollite 4.84
Orzo perlato 4.83
Funghi cotti 4.65
Piselli in scatola  4.6
Fagioli Borlotti in scatola  4.58
Mele cotogne 4.51
Fave fresche crude 4.45
Biscotti con crusca 4.4
Pappa per bambini alle verdure 4.33
Castagne 4.33
Cavoli di bruxelles cotti  4.3
Uva secca 4.04
Fagioli Cannellini in scatola 3.93
Fagioli -Borlotti freschi crudi 3.93
Lenticchie in scatola 3.79
Pinoli 3.77
Cereali da colazione per bambini 3.63
Carciofi  3.17
Funghi coltivati prataioli 3.09
Farina di mais 2.76
Carote crude 2.7

Fonte: tabella dal consiglio della ricerca per l’agricoltura e l’analisi economica agraria CREA.

Controindicazioni fibre insolubili

Il consumo eccessivo di fibra alimentare può provocare disturbi gastro-intestinali, come gonfiore, diarrea, malassorbimento, mal di pancia, irritazione della mucosa

Inoltre, la fibra ha la caratteristica di chelare (“nascondere” all’organismo) e, quindi, limitare l’assorbimento di micronutrienti come il calcio e il ferro: le fibre possono essere una causa di carenza di specifici nutrienti utili all’organismo, anche quando assunti in quantità sufficiente.

Qual è una quantità eccessiva? Dipende molto da soggetto a soggetto a seconda della sua sensibilità e di quante fibre è abituato ad assumere. Considerando le linee guida, che consigliano di consumare 25-35 g al giorno di fibra (solubile + insolubile), potremmo considerare come “eccessiva” una quantità superiore ai 35 g.

Di solito, chi segue una dieta vegetariana, consumando molti prodotti di origine vegetale rispetto ai non vegetariani, ha un maggior introito di fibra.

Conclusioni pratiche

Le fibre insolubili non possono mancare in una dieta equilibrata e salutare in quanto apportano numerosi benefici sulla salute nel breve e lungo periodo. Per assumerne a sufficienza, bisogna consumare cibi di origine vegetale come frutta secca e fresca, cereali integrali, legumi, dove trovi anche le fibre solubili in diverse percentuali.

Mangiarne in grandi quantità non porta a benefici in più ed è meglio consumare almeno 25 g di fibre/giorno (senza esagerare), ad esempio mangiando ogni giorno verdura a pranzo e a cena e 3 frutti nel corso della giornata e legumi 2-3 volte/settimana.

Guida PDF gratuita

Dieta - Guida completa

Scopri i principi del dimagrimento e due approcci efficaci per dimagrire senza fallire. 

Dieta Guida ProjectInvictus

Iscrivendoti, accetti la condivisione con la piattaforma di gestione mail Mailchimp (privacy policy).
Altre info nella nostra privacy policy.

 

Bibliografia

1. CARBOIDRATI E FIBRA ALIMENTARE (sinu.it)

2. Holscher HD. Dietary fiber and prebiotics and the gastrointestinal microbiota. Gut Microbes. 2017 Mar 4;8(2):172-184. doi: 10.1080/19490976.2017.1290756. Epub 2017 Feb 6. PMID: 28165863; PMCID: PMC5390821.

3. Simpson HL, Campbell BJ. Review article: dietary fibre-microbiota interactions. Aliment Pharmacol Ther. 2015 Jul;42(2):158-79. doi: 10.1111/apt.13248. Epub 2015 May 24. PMID: 26011307; PMCID: PMC4949558.

 

Co-autrice: dott.ssa Lucia Ienco

Dopo la maturità scientifica, prosegue gli studi conseguendo laurea triennale in Biotecnologie e subito dopo magistrale in Scienze dell’Alimentazione con tesi nell’ambito della nutrizione sportiva, tema che ha approfondito e su cui continua ad aggiornarsi tramite libri, seminari e articoli evidence-based. Da inizio 2020 è articolista inVictus e si occupa della stesura e revisione degli articoli nel settore alimentazione e nutrizione.

Approfondisci le conoscenze su "Salute e benessere" con:

Project Nutrition seconda edizione copertina

Project Nutrition – 2nd Edizione – Il libro della nutrizione

Libro sull’alimentazione

 39,90 Aggiungi al carrello
Come imparare a gestire i carboidrati

Ebook come gestire i carboidrati

Come imparare a gestire i carboidrati

 23,00 Aggiungi al carrello

Daniele Esposito

Dott. Daniele Esposito, classe 91, laureato in Scienze Motorie e in Scienze della Nutrizione umana. Biologo nutrizionista appassionato di fisiologia e fisiopatologia in relazione all’alimentazione umana. Si occupa di nutrizione a 360°, sia in ambito clinico sia in ambito sportivo. Autore e divulgatore scientifico, autore di Project Diet Vol.1-2 e co-direttore, revisore e co-autore della rivista Project Magazine. Maggiori informazioni

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy