Cannella: proprietà, controindicazioni, dosi giornaliere

cannella

La cannella è una spezia ricavata dalla corteccia della pianta Cinnamomum zeylanicum o, in alternativa della Cinnamomum cassia.

Usata prevalentemente in polvere e soprattutto come aromatizzante e insaporente – caratteristica conferitale dagli agenti bioattivi cinnamaldeidi e cumarine* – in virtù di certe ipotetiche proprietà salutistiche, la cannella rappresenta anche un supplemento nutrizionale di crescente importanza commerciale.

*sono contenuti anche: tannini, flavonoidi, glicosidi, terpenoidi e antrachinoni, responsabili di un discreto potere antiossidante.

La maggior parte dell’interesse collettivo verso la cannella è incentrato sulla possibilità che possa, in qualche modo, facilitare il dimagrimento. Anche se i suoi effetti sull’organismo sono molti, anticipiamo fin da subito che, ad oggi, non ci sono evidenze a tal merito.

Piuttosto, grazie al contenuto in polimeri metilidrossiacalici (MHCP) – questa spezia sembra esercitare un effetto migliorativo sulla sensibilità insulinica.

C’è da dire che, nelle persone che soffrono di insulino-resistenza, tale aspetto potrebbe anche contribuire ad una più efficiente gestione dei carboidrati alimentari e ad una miglior captazione muscolare del glucosio.

Anche la cannella, tuttavia, non è esente da controindicazioni e possibili effetti collaterali. Per questo il consumatore, oltra a comprenderne i valori nutrizionali generali e le calorie – dovrebbe essere al corrente di come usarla – dosi giornaliere e modalità d’assunzione.

Proprietà della cannella: quali sono i benefici?

cannella benefici

Fa dimagrire

La cannella non fa dimagrire.

Come vedremo nel prossimo paragrafo, la cannella può esercitare un buon controllo sulla glicemia.

È vero che un miglior controllo glicemico si ripercuote positivamente anche sull’insulinemia e che, quando eccessiva, quest’ultima può ostacolare il dimagrimento.

D’altro canto, gli effetti ipoglicemizzanti sono stati evidenti soprattutto nei soggetti pre-diabetici e diabetici. Inoltre, non si sono apprezzate variazioni favorevoli della composizione corporea.

Glicemia

La cannella può agire positivamente sulla glicemia sfruttando diversi meccanismi:

  1. Inibisce alcuni enzimi digestivi – tra i quali alfa-glucosidasi, sucrasi e, potenzialmente, amilasi pancreatica – moderando il carico glicemico-insulinico;
  2. Contiene metilidrossiaclcone (MHCP), che ha un’azione insulino-mimetica. I suoi effetti sono comunque dose-dipendenti e ritardati nel tempo – agisce entro 30-60 minuti dal raggiungimento della cellula, contro i 10 dell’insulina;

Nel tempo, la cannella può ridurre la glicemia a digiuno nei soggetti a rischio.

Per la palestra e il bodybuilding

La cannella trova scarso utilizzo tra gli amanti del bodybuilding e della pesistica.

Chi sceglie di consumarla come supplemento, lo fa generalmente nel tentativo di migliorare la sensibilità insulinica e, di conseguenza:

  • ottimizzare il deposito muscolare di glucosio, creatina, amminoacidi ed altri nutrienti;
  • compartimentare meglio possibile i grossi carichi glicemici durante le diete ipercaloriche finalizzate all’ipertrofia.

Detto questo, gli effetti insulino-mimetici della cannella si sono dimostrati apprezzabili soprattutto nei soggetti pre-diabetici e diabetici; non ci sono prove che questo supplemento possa effettivamente giovare all’attività di muscolazione o di allenamento della forza.

Cannella: effetti su colesterolo, trigliceridi e pressione

La cannella può ridurre i livelli di colesterolo totale, LDL-C e trigliceridi.

È anche in grado di abbassare la pressione sanguigna, ma le evidenze sono meno rilevanti rispetto a quanto osservato per glicemia e lipemia.

Per scoprire altri benefici della cannella (e di molti altri integratori) e quali sono i suoi reali effetti, dai un’occhiata al nostro libro Project Integratori, di cui puoi subito scaricare un estratto gratuito qui sotto.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Scopri cosa dice realmente la Scienza sugli integratori e come usarli in modo più consapevole, senza farti fregare. Ricevi contenuti utili via mail.

 

Valori nutrizionali della cannella 

cannella proprietà

Nutriente Valore per 100 g
Energia 247 kcal
Grassi 1,24 g
Carboidrati 80 g (di cui zuccheri 2,17 g)
Proteine 4 g
Fibre 53,1 g

Riferiti a 100 grammi di cannella essiccata.

Quali sono gli effetti collaterali? Controindicazioni della cannella

Effetti collaterali della cannella

Gli effetti collaterali più frequenti dovuti all’assunzione di cannella come supplemento nutrizionale possono includere:

  • mal di testa;
  • bruciore di stomaco;
  • disturbi gastrointestinali in genere.

Controindicazioni della cannella

Se utilizzata come integratore e a dosi consistenti, la cannella può essere controindicata in gravidanza, allattamento, età pediatrica, età geriatrica in condizioni di alterata funzionalità metabolica, patologie di vario genere.

Inoltre, siccome la cannella può ridurre sia la glicemia che la pressione sanguigna, può essere sconsigliabile per chi soffre di tendenza alle crisi ipoglicemiche e alla pressione bassa; è inoltre possibile che agisca sinergicamente a farmaci o integratori antidiabetici o per la pressione sanguigna. Si consiglia pertanto di valutarne l’utilizzo assieme al medico curante.

Infine, alcuni soggetti colpiti da emorroidi e ragadi anali lamentano un peggioramento della sintomatologia.

Cannella e cumarina: è pericolosa? quale scegliere?

Alcune tipologie di cannella contengono cumarina, un fitochimico epatotossico e cancerogeno con TDI (tollerabile dose giornaliera) di soli 0,5 – 0,1 mg / kg di peso corporeo.

Anche considerando che la TDI stabilita per la cumarina include un livello di sicurezza mediamente soddisfacente, alcuni sottogruppi di popolazione umana si dimostrano più sensibili alla sua tossicità, a causa di una ridotta capacità di metabolizzarla.

Poiché la cannella si rivela utile a dosaggi di circa 300 mg / kg di peso corporeo, che implicano concentrazioni di cumarina nettamente superiori alla TDI in certe tipologie di cannella, è molto importante selezionare accuratamente il tipo di prodotto che si intende consumare.

La scelta deve orientarsi maggiormente sulla cannella Ceylon (cumarina 190 mg / kg) piuttosto che sulla Cassia (700-12230 mg / kg).

In questo modo, per raggiungere la TDI di 0,1 mg / kg di peso corporeo, un uomo di 100 kg dovrebbe ingerire 50 g di Ceylon. D’altro canto, poiché la dose efficacie sulla glicemia è di 1-6 g/die, per la Ceylon non emerge alcun vero problema di tossicità.

 

Come usare la cannella in polvere? Come assumerla? Dosi giornaliere

La polvere è la forma più utile ed efficacie di cannella.

Sono sconsigliabili, invece, l’acqua, gli estratti di olio e le tisane, poiché non sono generalmente standardizzati/standardizzabili e possono contenere differenti livelli di principi attivi e cumarina.

La cannella in polvere può essere consumata miscelandola agli alimenti o alle bevande, o sotto forma di capsule.

La cannella come supplemento nutrizionale può essere considerata efficace e sicura nella tipologia Ceylon (più costosa) e a dosaggi di compresi tra 1 e 6 g / die, suddivisi nei 2-3 pasti col maggior carico glicemico della giornata.

Può essere consigliabile partire da dosaggi di 1 g / die e, nel caso, aumentarli progressivamente.

integrazione cannella come assumerla

Integrare la cannella serve veramente?

Studi condotti sull’integrazione di cannella sull’uomo diabetico o pre-diabetico hanno dimostrano che la cannella ha un’effettiva capacità di ridurre:

  • la glicemia post-prandiale;
  • l’emoglobina glicata (HbA1c), anche se in modeste quantità e solo se originariamente >8%;
  • la glicemia a digiuno, nel lungo termine, anche se non sono ben chiari il ruolo percentuale dell’inibizione sugli enzimi digestivi e quello dell’azione insulino-mimetica;
  • il colesterolo e i trigliceridi, sempre nel lungo termine.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Scopri cosa dice realmente la Scienza sugli integratori e come usarli in modo più consapevole, senza farti fregare. Ricevi contenuti utili via mail.

3.5/5 - (4 votes)

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Project Nutrition

Per essere padrone dei concetti e non schiavo delle diete

Project Nutrition Libro

Il libro per avere una visione completa su alimentazione

nutrizione dimagrimento.