Condroitinsolfato integratore: cos’è e a cosa serve

condroitina solfato per dolore articolare

Quelli a base di condroitinsolfato sono integratori mediamente diffusi nell’ambito della palestra e del bodybuilding.

Poiché la condroitina abbonda nei connettivi, in diversi reputano che assumendola con la dieta sia possibile aumentarne la sintesi nei tessuti.

Non si tratta quindi di supplementi nutrizionali ergogenici o per la ricomposizione corporea, bensì di prodotti finalizzati a:

  • proteggere le articolazioni e i tendini degli atleti;
  • promuovere la guarigione post-infortunio tendineo e ridurne il dolore;
  • diminuire il dolore causato dall’osteo-artrosi.

Nei prossimi paragrafi discuteremo meglio di che cos’è la condroitina solfato, a cosa serve (funzioni e ruolo), i possibili effetti collaterali e come assumerla.

Cos’è il condroitin solfato?

La condroitina solfato è un elemento essenziale per la produzione dei tessuti connettivi; ad esempio tendini, guaine, legamenti e cartilagini.

Dal punto di vista biochimico, la condroitin solfato è un glicosaminoglicano solfato (GAG) composto dall’alternanza di N-acetilgalattosamina e acido glucuronico (glucidi), a formare una catena lunga anche oltre 100 unità – la posizione del gruppo solfato è variabile.

Normalmente si trova unito alle proteine, come parte di un proteoglicano.

Il solfato di condroitina è un importante componente strutturale della cartilagine, alla quale fornisce soprattutto resistenza alla compressione.

A cosa serve il condroitin solfato?

integratore per articolazione

È un integratore realmente valido?

I supplementi nutrizionali a base di condroitina solfato (e glucosamina) hanno lo scopo di:

  • prevenire il deterioramento articolare e tendineo negli atleti;
  • supportare la remissione dagli infortuni di natura tendinea e alleviare il dolore;
  • ridurre il dolore articolare nell’osteoartrosi.

Diverse ricerche tuttavia – la più importante delle quali è una revisione Cochrane del 2015 – suggeriscono che la maggior parte degli studi fatti a riguardo sono di scarsa qualità, e che gli integratori a base di condroitin solfato potrebbero non avere un reale effetto terapeutico.

Assunti nel cronico e in caso di alti livelli di allenamento, è possibile che agiscano in maniera preventiva sul deterioramento dei tendini; ma non sappiamo in che misura.

Assunti in acuto invece, solo pochi studi hanno evidenziato modesti effetti antidolorifici, ma mai terapeutici.

Così come la condroitina solfato, anche molti altri integratori presenti sul mercato non hanno una solida base scientifica. Nel nostro libro Project Integratori, di cui puoi scaricare un estratto gratuito qui sotto, puoi scoprire quali sono gli integratori realmente efficaci e come assumerli.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Non farti fregare: non buttare soldi e tempo in integratori inutili. Scopri cosa dice la Scienza, quali sono gli integratori realmente efficaci e come usarli.

 

Come assumere il condroitin solfato?

Il dosaggio più studiato di condroitin solfato è di 1500 mg / die.

L’assunzione può essere fatta sia a stomaco vuoto, sia a stomaco pieno, e in ogni momento della giornata.

La forma più diffusa è in compresse, che contengono una combinazione di condroitina solfato e glucosamina.

Qualsiasi eventuale beneficio si dovrebbe manifestare entro 4-6 settimane; trascorso questo periodo, probabilmente, l’integrazione non avrà effetti ed è possibile sospenderla.

È possibile aumentare il condroitina solfato con la sola dieta?

La sorgente nutrizionale più ricca di condroitina solfato è la cartilagine, sia appartenente ad animali terrestri (si pensi ai vari connettivi, più abbondanti nel quinto quarto che nei tagli muscolari), sia da creature subacquee (pesci cartilaginei).

condroitina solfato integratore

Effetti collaterali e controindicazioni della condroitina solfato

Effetti collaterali del condroitin solfato

Gli studi clinici non hanno identificato alcun effetto collaterale significativo o da sovradosaggio in seguito all’assunzione di condroitin solfato – probabilmente perché anche perché non viene metabolizzato dal citocromo P450.

Ciò suggerisce che si tratta di un prodotto sicuro nel lungo termine.

Nel 2003 la “Task Force of the European League Against Rheumatism” (EULAR) ha classificato il livello di tossicità del condroitin solfato con un valore di 6, in una scala da 0 a 100.

Controindicazioni della condroitina solfato

La condroitin solfato non dovrebbe essere usata per il trattamento dell’artrosi sintomatica del ginocchio, non per i possibili effetti avversi, ma perché le prove disponibili ne dimostrano la totale inefficacia terapeutica.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Non farti fregare: non buttare soldi e tempo in integratori inutili. Scopri cosa dice la Scienza, quali sono gli integratori realmente efficaci e come usarli.

5/5 - (2 votes)