Acido alfa lipoico: benefici, controindicazioni, dosaggio

acido alfa lipoico benefici

L’acido alfa lipoico (ALA) – da non confondere con l’acido alfa-linolenico – è una molecola liposolubile coinvolta nel metabolismo energetico e, proprio per questo, abbondantemente presente nei mitocondri.

Venendo sintetizzato in gran parte dal metabolismo endogeno, l’acido lipoico non rientra nel gruppo dei nutrienti essenziali. Ciò detto, gli alimenti di origine animale – soprattutto carne – partecipano considerevolmente a garantire livelli più che soddisfacenti nell’organismo.

Il supplemento di acido lipoico è generalmente consigliato nel trattamento dell’iperglicemia, con specifico riferimento alla popolazione femminile colpita da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

In questo breve articolo chiariremo meglio a cosa serve – ad esempio, se è realmente utile per dimagrire – ne illustreremo le controindicazioni, gli effetti collaterali, le modalità d’assunzione e il dosaggio.

A cosa serve l’acido alfa lipoico? Quali sono i benefici?

acido lipoico integratore

L’acido alfa lipoico è proposto come soluzione non farmacologica alla normalizzazione glicemica, in caso di pre-diabete o diabete mellito tipo 2 conclamato, nelle donne obese ed affette da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS).

L’acido lipoico mostra una certa efficacia anche quando assunto da solo; tuttavia, gli studi hanno messo in evidenza un effetto potenzialmente sinergico o comunque complementare verso altri principi attivi come: inositolo, N-acetilcisteina (NAC) e, “forse”, omega 3.

Acido alfa lipoico e grasso addominale: fa dimagrire?

Visto il ruolo positivo nella gestione della glicemia, si è ipotizzato che l’acido alfa lipoico potesse anche ottimizzare il dimagrimento.

La riduzione del grasso corporeo può essere ottenuta solo previo bilancio calorico negativo; non possiamo comunque escludere che, in presenza di una dieta adeguata, e grazie al suo impatto benefico sul meccanismo insulinico, l’acido lipoico possa esercitare un effetto promuovente sul dimagrimento.

Non si osserva alcuna evidenza, invece, sulla ridistribuzione dell’adipe o sul dimagrimento selettivo in sede addominale – nemmeno nelle donne colpite da iperandrogenismo da PCOS.

Depressione

L’acido lipoico è stato proposto nella lotta non farmacologica al sintomo depressivo. Nessuno studio supporta questa ipotesi.

Infiammazione

Si è anche ipotizzato che l’acido alfa lipoico potesse ridurre lo stato infiammatorio nell’organismo, ma attualmente non esistono evidenze in tal senso.

Nervi

L’acido lipoico è stato proposto nel trattamento del dolore ai nervi in soggetti diabetici affetti da neuropatia diabetica.

L’assunzione di 600-1800 mg di acido alfa-lipoico per via orale od endovenosa sembra migliorare alcuni sintomi come il bruciore, il dolore e l’intorpidimento alle gambe e alle braccia. Dosi più basse si rivelano totalmente inefficaci.

Controindicazioni ed effetti collaterali dell’acido alfa lipoico

Se assunto per via orale, l’acido alfa-lipoico è probabilmente sicuro per la maggior parte degli adulti fino ad un massimo di 4 anni continuativi.

Trattasi di un composto solitamente ben tollerato. I possibili effetti collaterali più comuni sono: mal di testa, bruciore di stomaco, nausea e vomito.

Mentre in gravidanza e in età di 10-17 anni l’acido alfa lipoico si è dimostrato sicuro fino a dosaggi di 600 mg / die per un massimo di 1-3 mesi, si raccomanda maggiore cautela (e il consulto del medico) in caso di: allattamento, prima infanzia, prossimità di interventi chirurgici, carenza di tiamina / abuso alcolico, terapie farmacologiche, insufficienza funzionale di certi organi o altre patologie gravi.

Per saperne di più su quali sono le controindicazioni di questo e di molti altri integratori in modo da farne un’assunzione più consapevole, dai un’occhiata al nostro libro Project Integratori, di cui puoi scaricare un estratto gratuito qui sotto.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Non farti fregare: non buttare soldi e tempo in integratori inutili. Scopri cosa dice la Scienza, quali sono gli integratori realmente efficaci e come usarli.

 

Quando va preso l’acido lipoico? Assunzione

Quanto acido lipoico prendere?

Il supplemento di acido lipoico richiede dosaggi compresi tra 1000 e 1200 o 1500 e 1800 mg / die, ripartiti in 2 o 3 assunzioni nella giornata.

La singola assunzione avrà quindi un dosaggio di >300 (ma più spesso almeno 500) e 600 mg / die, a prescindere dalla forma chimica.

Contrariamente alla maggior parte dei composti liposolubili (ad es. certe vitamine), l’acido alfa lipoico non richiede la presenza di grassi alimentari nel tubo digerente per venire assorbito correttamente – può infatti avvalersi di trasportatori specifici.

L’acido alfa lipoico può quindi essere assunto sia a stomaco vuoto che a stomaco pieno, ma la sperimentazione ha osservato buoni risultati collocando le due o tre dosi in corrispondenza dei pasti principali.

Quali cibi contengono l’acido alfa lipoico?

Le sorgenti nutrizionali primarie di acido alfa lipoico sono i cibi di origine animale e, in particolare, la carne e i prodotti o le ricette che ne derivano (salumi ecc.).

Sono fonti secondarie e pressoché trascurabili di acido lipoico la frutta e la verdura.

assunzione acido alfa lipoico

Integrare l’acido alfa lipoico serve veramente? Evidenze scientifiche

L’acido alfa lipoico è un fattore nutrizionale oggettivamente utile nel trattamento delle alterazioni metaboliche nelle donne obese con PCOS con predisposizione al diabete o già diabetiche.

Come anticipato sopra, l’efficacia dell’acido lipoico è potenziata dall’associazione con altri fattori nutrizionali – in particolare l’inositolo.

ESTRATTO GRATUITO

Project Integratori

Non farti fregare: non buttare soldi e tempo in integratori inutili. Scopri cosa dice la Scienza, quali sono gli integratori realmente efficaci e come usarli.

4.6/5 - (27 votes)