Lecitina: quando assumerla

Lecitina: quando assumerla

La lecitina è un fosfolipide scoperto 160 anni a partire dal tuorlo d’uovo e successivamente trovato anche nel sangue, nei pesci, nella bile ed in tantissimi altri alimenti. Oggi sappiamo che tutte le membrane cellulari, sia vegetali che animali, hanno una componente di lecitina. Negli animali questo fosfogliceride antagonizza l’azione del colesterolo, aiutando a preservare il modello a mosaico fluido delle membrane cellulari (la capacità della membrana di non irrigidirsi) ed aiuta ad evitare la formazione di calcoli biliari.

Integrare la lecitina

Dal punto di vista dell’integrazione la lecitina si trova sotto varie forme: in polvere, in capsule ma anche in granuli. Non è un integratore rivolto alla performance e la lecitina non serve a dimagrire, si tratta infatti di un integratore prettamente rivolto alla salute generale.

La tipologia di lecitina solitamente utilizzata a scopo integrativo è ricavata dai germogli di soia (lecitina di soia), infatti anche se inizialmente venne estratta prevalentemente da fonti animali (uovo e fegato di vitello) essa è maggiormente contenuta in alimenti vegetali come appunto la soia, le arachidi, l’avena, il frumento, .

La lecitina in vendita deriva dalla soia principalmente per tre motivi:

  • è la più abbondante in natura
  • presenta un tempo di assimilazione inferiore rispetto a quella di altre fonti,  raggiunge la maggiore concentrazione sierica intorno ai 90’;
  • la lecitina di origine animale è probabilmente già satura di colesterolo e non riesce di conseguenza a svolgere la sua funzione ipocolesterolemizzante.

benefici lecitina

Lecitina e colesterolo

Importante è infatti l’azione della lecitina sul colesterolo, sia nel suo assorbimento a livello intestinale, sia nella formazione del colesterolo “buono” quello HDL. Quest’ultima azione permette l’allontanamento del colesterolo in eccesso attraverso la bile, “ripulendo”  i vasi, rimuovendo i lipidi in eccesso e svolgendo dunque un’azione preventiva nelle patologie arteriosclerotiche.
La lecitina rientra inoltre nella composizione della bile dove contribuisce alla solubilizzazione del colesterolo evitandone la precipitazione e prevenendo la formazione di calcoli alla cistifellea.

Lecitina e mente

Oltre alla funzione ipocolesterolizzante sono state individuate altre proprietà della lecitina legate all’affaticamento mentale ed allo stress. La lecitina sembrerebbe stimolare le funzioni cerebrali grazie agli elevati apporti di vitamina J o colina (viene suggerita come supporto in caso di Alzheimer e demenza senile).

Quando assumere la lecitina

lecitina di soia

In conclusione la lecitina non è un integratore essenziale, può essere d’aiuto qual ora la persona assuma pochi alimenti vegetali, soprattutto cereali integrali, e nell’aiutare a regolare il colesterolo endogeno (per tutti i motivi sopra esposti): quando raggiunge valori insufficienti nel colesterolo buono (HDL <50mg/dl nelle donne e <40mg negli uomini) e/o valori eccessivi (colesterolo superiore a 200-200mg/dl). In ogni caso prima di decidere autonomamente è bene confrontarsi col proprio medico di fiducia.

Quanta lecitina integrare

Il dosaggio giornaliero solitamente consigliato attraverso l’alimentazione è principalmente intorno ai 5-15g, per i supplementi invece è di circa 5-10g quando viene assunta in polvere, spesso si trova associata a vitamine (B6, E) e minerali (Selenio) per potenziarne l’azione. Se in perle o granuli i dosaggi (riportati dalle etichette) risultano essere notevolmente inferiori (circa 2-3g), ma probabilmente bisognerà aumentare la dose per ottenere la medesima efficacia.

Effetti collaterali lecitina

Di effetti collaterali con dosaggi classici non se ne riscontrano, mentre salendo con la grammatura si potrebbe incorrere in diarrea e nausea. È bene comunque ricordare che il colesterolo deve rimanere nei giusti range (soprattutto deve mantenere un buon livello nelle HDL), pertanto è bene monitorarsi regolarmente per verificare gli eventuali cambiamenti dati dall’integrazione di lecitina.

 

L’articolo sulla lecitina è di Niccolò Balboni

Personal Trainer certificato NSCA e FIPE. Segue diversi atleti, sia dal vivo che online nel campo del Bodybuilding, dello Strength & Conditioning e fitness in generale. Nel 2017 avvia il progetto Bodybuilding & Performance (YouTube) piattaforma podcast del fitness con ospiti i maggiori esponenti dell’ambiente italiano e non.

Contatti: [email protected]
Pagina FB: https://www.facebook.com/bodybuildingandperformance/

Niccolo Balboni

Mi chiamo Niccolò Balboni, sono un personal trainer certificato NSCA e FIPE nonché laureando in scienze motorie a Bologna. Sono un appassionato di tutto ciò che riguarda allenamento e alimentazione sia per il natural bodybuilding che per tutti gli altri sport sia di squadra che individuali. Recentemente ho avviato il progetto Bodybuilding and Performance, canale youtube in cui potrete trovare podcast con i migliori preparatori di diverse discipline. Attualmente mi occupo di preparazione atletica sport specifica e seguo persone che vogliono migliorare la loro forma/aspetto fisico anche con obiettivi agonistici. YOUTUBE: Bodybuilding & Performance; CONTATTI: [email protected]; INSTAGRAM: niccolo.balboni Tutti i miei articoli

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy