Calorie: perchè contano

Calorie: perchè contano

Nell’alimentazione c’è un argomento che fa da padrone: le calorie.
Le discussioni si dividono in due fazioni, chi sostiene che le calorie contano e chi invece dice che sono ininfluenti e sono invece molecole ed ormoni ad essere essenziali nella composizione corporea.
Abbiamo già mostrato che in realtà nell’alimentazione bisogna tener conto di TUTTI i parametri e che le stesse calorie influenzano gli ormoni. Una dieta ipocalorica o ipercalorica ha di per sé un’influenza sulla sensibilità e resistenza insulinica, anche senza variare i macronutrienti.

I detrattori delle calorie di solito portano i seguenti esempi, per mostrare che una caloria non è una caloria.

Perché le calorie non dovrebbero contare

calorie e composizione corporea

Sapete che cos’è l’ADS (la spesa dinamica specifica)? E’ quanto il nostro corpo consuma per digerire ed assimilare i vari macronutrienti. A seconda di cosa mangiamo abbiamo un costo energetico (termogenesi indotta dagli alimenti).

  • Proteine tra il 10-35%  (media di 22,5%).
  • Carboidrati tra il 5-10%  (media di 7,5%).
  • Grassi tra il 2-5% (media di 3,5%).
  • Alcol tra il 10-30% (media di 20%).

Pertanto se mangiamo 100 kcal di proteine alla fine rimarranno 77,5 kcal, se le calorie sono di grassi introduciamo 96,5 kcal, una bella differenza.

Un altro fattore che  sfasa le calorie che pensiamo di assumere è la tolleranza nell’etichetta degli alimenti. Avete mai osservato che a seconda del tipo di marca che acquistate, nell’etichetta calorie e macronutrienti variano. Eppure l’alimento è sempre lo stesso: pasta, yogurt, tonno, ecc.
Perché questo succede? Perché forse la materia prima è leggermente diversa, ma probabilmente perchè a seconda della categoria alimentare, le aziende hanno un margine (una tolleranza) con cui possono indicare i valori nutrizionali.
Alcuni alimenti hanno una tolleranza del 15% vuol dire che se nell’etichetta leggete 100 kcal, potrebbero in realtà essercene 115 come 85 kcal. Anche qui la differenza è rilevante.

Altri fattori che vanno a sfasare il conteggio calorico sono i tempi di cottura, più cuociamo un alimento, più spezziamo i legami chimici e più i nostri enzimi riescono a catturare tutte le calorie. Anche quanto è stato tagliato e quanto mastichiamo un cibo incide sulla nostra capacità enzimatica di scomporlo. Le farine vengono assorbite più facilmente dei chicchi, per esempio.

Insomma esistono veramente tantissimi fattori che ci danno la certezza che le calorie che assumiamo non possono essere quelle, ma hanno un margine d’errore probabilmente rilevante. Quindi le calorie non contano?

Perché le calorie dovrebbero contare

calorie e bomba calorimetrica

Chi dice giustamente che l’uomo non è una macchina calorimetrica, che un acido polinsaturo non equivale ad uno saturo, ecc  dovrebbe tuttavia ricordarsi che viviamo in questo universo e come tutta la materia rispondiamo alle leggi delle termodinamica e come tutti gli essere viventi a quelle della bioenergia. “Queste leggi descrivono come il calore (o energia termica) viene convertito da e per diversi tipi di energia, e l’effetto che questo può avere sulle varie forme di materia.

Tradotto noi quando mangiamo introduciamo dell’energia, questa energia non può sparire nel nulla.
Avete presente quello magro che mangia di continuo alimenti supercalorici? Potrebbe avere problemi d’assorbimento intestinali, disfunzioni delle proteine mitocondriali UCP2-3, in ogni caso non è che il suo stomaco è un buco nero, l’energia che introduce si trasforma sempre seguendo le leggi dell’universo.

Nello stesso modo quello grasso che mangia poco potrebbe soffrire d’insulino resistenza, potrebbe avere gli ormoni tiroidei sotto i piedi, potrebbe limitare al minimo la spesa data dall’attività fisica non sportiva e dalla termoregolazione. Anche per lui le leggi dell’universo continuano ad esistere.

Dire che una caloria è una caloria non vuol dire che tutti dobbiamo dimagrire a 1800kcal e dobbiamo ingrassare a 2500kcal.
Semplicemente ognuno di noi ha un suo equilibrio energetico, quanto sia alto questo equilibrio dipende dallo stato metabolico. Questi due fattori si influenzano a vicenda ed uno non può non tener presente l’altro.

Conclusioni sulle calorie

una caloria è una caloria

Diventare magri è fisiologico. Bisogna impegnarsi ma il 99% della popolazione  può arrivare tra il 12-15% di BF (riferita ai maschi). A seconda del proprio set point (l’omeostasi del grasso) ci sarà chi riuscirà con più facilità o meno, ma con l’impegno è un traguardo che tutti possono e devono ambire.

Chi invece vuole scendere sotto al 10% mantenendo i muscoli e senza usare sostanze illegali, le calorie e/o i macronutrienti li deve contare. Non c’è storia. Alcune persone non hanno idea di quanti macronutrienti stanno assumendo ma sanno che introducono 400g di riso e 600g di petto di pollo, ecc alla fine si basano sul conteggio degli alimenti che fondamentalmente si traduce in un conteggio di macronutrienti e calorie.

Chi conosce altre strade ce le scriva perchè possiamo diventare le persone più ricche del mondo. Pensate di trovare un mix di cibi per dimagrire. Questa scoperta economicamente quanto potrebbe valere?

La realtà è che per ottenere il massimo devi essere disposto ad impegnarti il massimo. Contare le calorie e macronutrienti è palloso, per scendere fino al 12-15% non è necessario, ma se lo si fa è tutto molto più facile.

Anche se le calorie che contiamo non sono esatte, ci danno un riferimento, ci permettono d’avere un quadro della situazione su cui poter lavorare e variare in base ai feedback che riceviamo.

La persona intelligente lo capisce, decide se calcolare le calorie o meno, ma non dice che le calorie nella composizione corporea non contano.

Approfondisci le conoscenze su "Principi di base" con:

Project Nutrition

Project Nutrition

Libro sull’alimentazione

Valutato 4.83 su 5
 36,90 Acquista

Un libro sull’alimentazione che non vi vuole vendere nessuna dieta. La composizione corporea & Continua a leggere…

In offerta!
Project Diet Vol.1-2

Project Diet Vol.1-2

Tutte le diete del mondo in un unico libro (anzi 2)

Valutato 4.29 su 5
 73,80  59,90 Acquista

” Se non ti senti in imbarazzo quando fai uscire un prodotto, vuol dire che l’hai fatto Continua a leggere…

Questo sito web utilizza i cookie e consente l’invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l’utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy policy

OK