Malattie legate all’alimentazione

Malattie legate all’alimentazione

Nel tempo abbiamo ricevuto molti articoli che volevano correlare l’alimentazione e determinati alimenti a delle malattie ma abbiamo sempre rifiutato. Non spetta a noi, che siamo un sito divulgativo e non scientifico, parlare di malattie legate all’alimentazione. Se leggete qualcosa a riguardo su un sito non istituzionale o che non sia un portale scientifico diffidate sempre dalle informazioni, anche se hanno qualche studio nella bibliografia alla fine. Fare cattiva informazione è un attimo e purtroppo chi la fa spesso non se ne accorge nemmeno perchè in buona fede ci crede fermamente. Se abbiamo trovato un colpevole siamo più sereni.

Oggi vi parliamo di malattie ed alimentazione, non prendete per buono quello che diciamo ma rifletteteci. Se vi vogliamo passare qualcosa è quella di dubitare. Dubitate sempre ma soprattutto dubitate di voi stessi. Siate i vostri più aspri critici, credete fermamente in una cosa? Mettetela sempre in discussione, cercate le prove che possano scardinarla. Credere di sapere è un attimo, non fatelo. Soltanto in questo modo si sopravvive alla valanga d’informazioni che ci assaltano, vivendo coi dubbi non con le false certezze.

Il problema è che le persone intelligenti sono piene di dubbi, mentre le persone stupide sono piene di sicurezze.”

Qualche informazione e dato sulle malattie dell’alimentazione

Mia nonna era diabetica tipo 2 (dopo essere stata insulino resistente), l’ho scoperto da grande, ma la sua dipartita è stata anticipata da questa malattia. Anche l’altra mia nonna lo era, be lei pesava più di 90Kg difficile non esserlo. Ho scoperto d’essere portato verso questa malattia a 20 anni quando facendo gli esami del sangue mi sono ritrovato l’emoglobina glicata pre-diabetica.
Ma le malattie nella mia famiglia non si fermano qua. Mio suocero è morto d’arresto cardiaco e mio padre di tumore.

Se pensate che tra queste malattie (diabete, problemi cardiaci, tumori) e l’alimentazione ci sia una correlazione avete ragione ma contemporaneamente rischiate di sbagliarvi, o meglio c’è il pericolo di vedere la questione solo da un punto di vista.

Ora vi mostro un grafico voi dovete dirmi che rappresenta:
Malattie ed alimentazione

È l’aumento dei diabetici nei secoli?
È l’aumento dei tumori?
È l’aumento dell’assunzione di zucchero negli anni?
È l’aumento dell’assunzione di carne?

No

È l’aumento delle seghe dal 1700 al 2000, come vedete con la diffusione delle stampe pornografiche, poi della televisione ed infine di internet, il valore si è impennato.

Ovviamente scherzo ma questo grafico, preso da uno studio, rimbalza su internet per avvalorare la correlazione tra due fattori, l’assunzione di zucchero e l’obesità, una tra le malattie legate all’alimentazione. Certo che più assumi zucchero ed è più facile che diventi obeso ma questo è solo un pezzettino del puzzle, fermarsi qui vuol dire sbagliare il problema.

Diabete, malattie cardiovascolari, tumori, sono tutte malattie che stanno aumentando, sia da noi ma anche nei paesi in via di sviluppo. A livello mediatico ogni corrente spinge per correlare queste malattie all’assunzione maggiore di un determinato prodotto, al consumo: di carne, di latticini, di cereali, ecc.
A livello fisiologico in realtà troviamo un’incidenza molto maggiore di queste malattie in chi è in sovrappeso, in particolare in chi ha grasso viscerale. Mediamente chi ha la pancetta, anche se è magro nelle altre parti del corpo, ha glicemia e trigliceridi più alti. L’insulina basale ed i fattori di crescita sono così più elevati.
Guarda caso chi sostiene che la carne, cereali, latte, ecc facciano male, sostiene anche che portino al sovrappeso. Ed in effetti è così se eliminate i grassi e le proteine animali o le farine, dimagrite in tutte e due i casi.

Sport e malattie dell’alimentazione

Ora aggiungiamo un altro fattore, è ormai dimostrata una minor probabilità d’ammalarsi di queste malattie in chi fa sport in modo amatoriale ma costante.
Woao
Ma vuoi vedere che mediamente chi fa sport è anche meno in sovrappeso? (non è l’unico fattore ma conta).

Questo cosa vuol dire?
Ce lo spiegano gli aborigeni (intesi come tribù che non sono state influenzate dalla civiltà occidentale) che fino a poco tempo fa vivevano ancora come degli uomini delle caverne.

aborigeni e alimentazione
(Guardate come sono felici di stare per essere civilizzati)

Se siete del filone vegan direte che mangiavano frutta, tuberi, prevalentemente vegetali. Se invece siete del filone paleo direte che mangiavano selvaggina, pesce assieme ai vegetali.
La risposta è affermativa in tutte e due i casi, l’uomo mangia quello che gli offre l’ambiente, se è più vantaggiosa una scelta rispetto ad un’altra la sceglie e se ne frega delle diete.
A noi però quello che ci interessa è scoprire che tribù che mangiano solo vegetali o prevalentemente carne non soffrono di diabete, problemi cardiovascolari e quasi mai di tumori.

Se pensate che questo succede perché vivono poco dovete ricredervi:

  1. Negli ultimi anni queste malattie colpiscono da noi sempre di più anche la popolazione giovane a volte anche giovanissima.
  2. Gli uomini “primitivi” hanno una vita media intorno ai 30-35 anni ma principalmente perchè la mortalità infantile e da bambini è elevatissima. Arrivati da adulti è facile che vivano anche fino a 60-70 anni. La funzione delle persone anziane nelle società arcaiche ha sempre svolto un ruolo fondamentale nella sopravvivenza delle tribù.

Morale della favola, potete continuare a pensare che tutto il male del mondo venga da una categoria d’alimenti, e che tutte le prove scientifiche mostrino quello ma che gli interessi economici offuschino la verità.
Oppure potete semplicemente pensare che sono malattie multifattoriali, in cui ANCHE l’alimentazione ha un ruolo, come ce l’ha l’attività fisica (oltre a tantissimi altri fattori). Negli ultimi 60-70 anni noi possiamo scegliere di mangiare molto meglio dei nostri nonni (prediligendo il biologico e la varietà), quello che difficilmente non possiamo scegliere è di non usare tutte le comodità di cui loro non disponevano. Così possiamo migliorare la qualità della nostra vita e allontanarsi un minimo dalle malattie vicine all’alimentazione.

Appena finite l’articolo condividetelo, una volta avreste dovuto copiarlo, andare in posta e spedirlo. Probabilmente senza macchina, senza ascensore. Vi scappava la pipì la notte? Mia mamma prima del terremoto in Friuli nel 76 doveva ancora andare in cortile a farla. Veniva da una famiglia povera, mio nonno aveva fatto per tutta la sua breve vita il minatore in Belgio.
Vai a dire che 70 anni fa c’erano meno malattie perchè non si mangiava un determinato alimento, 70 anni fa le condizioni di vita erano completamente diverse (e gli studi sulla spesa energetica ce lo dimostrano).

La morale della favola è sempre quella di non trovare solo un colpevole quando in realtà ce ne sono sempre tanti, anzi: “se cercate un colpevole, non c’è che da guardarsi allo specchio”.

Approfondisci le conoscenze su "Salute e benessere" con:

In offerta!
Project Diet Vol.1-2

Project Diet Vol.1-2

Valutato 4.47 su 5

Tutte le diete del mondo in un unico libro (anzi 2)

 73,80  69,90 Add to cart
Project Nutrition

Project Nutrition

Valutato 4.61 su 5

Libro sull’alimentazione

 36,90 Aggiungi al carrello

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy