Parkour: Atterraggio con Capriola (Roll)

Parkour: Atterraggio con Capriola (Roll)

Il roll è sicuramente una delle tecniche più complicate e allo stesso tempo, purtroppo, poco allenate nel parkour. È complicato perché per eseguire un roll decente su una superficie dura richiede molta pratica ma soprattutto molta molta pazienza, sarà infatti molto semplice all’inizio (ma non solo) prendere colpi a spalle schiena e bacino, e ovviamente questo farà desistere molte persone dall’allenare questo fondamentale movimento.

Ma cos’è questo roll? È semplicemente una capovolta avanti eseguita non esattamente sul piano sagittale, ma diagonalmente lungo la schiena, ciò significa che l’entrata in roll è prevista su una spalla e l’uscita è prevista sulla zona gluteo/coscia controlaterale. Questo piano di esecuzione del roll fa si che la testa e il rachide vengano preservate e non entrino duramente a contatto con il terreno.

Roll diagonale Parkour

È una tecnica fondamentale perché permette di scaricare l’impatto del corpo con il suolo non solamente sulle gambe (cosa che comporterebbe un enorme stress a tutte le articolazioni coinvolte), ma di dissiparla trasformandola in energia di rotazione. Questo permette inoltre di collegare in modo efficace e fluido l’atterraggio e la ripresa della corsa.

La tecnica del Roll per atterrare

Per imparare la tecnica di roll è necessario prima prendere un po’ di confidenza con il terreno (se è necessario provare prima sull’erba, ma poi, appena possibile, spostarsi su superfici dure, così da abituarsi e sentire com’è un contatto reale con il suolo).

Capire la fase d’uscita.

Iniziamo a sdraiarci a terra supini e eseguiamo delle rullate sulla schiena con torsione del bacino e uscita sulla coscia (dx e sx), questo movimento è bene assimilarlo perché la rotazione del bacino è fondamentale in fase di uscita. Ripetiamo lo stesso movimento ma dandoci più slancio, ci aiutiamo spingendo con le mani a terra e ci rialziamo in piedi.

Torsione Roll Parkour

Capire la fase di ingresso

Per imparare la fase di ingresso invece partiamo dalla massima raccolta, appoggiamo entrambi gli avambracci al suolo (spostati leggermente a lato della proiezione delle spalle a terra), flettiamo la testa dalla parte opposta alla spalla che andrà ad appoggiare a terra (“guardo il piede opposto”), ed eseguiamo un rotolamento arrivando sdraiati supini, dopodiché ripetiamo lo stesso movimento ma mettiamo a terra le mani (ammortizziamo quindi con queste fino a che la spalla non entra in contatto con il suolo)

Fase ingresso roll parkourRoll completo

Ora non resta che collegare le 2 fasi viste, quindi ci mettiamo in massima raccolta (magari con avanti il piede opposto alla spalla su cui faremo il roll), appoggiamo le mani a terra e scendiamo fino a che la spalla non tocca terra, rotoliamo e abbastanza in automatico ci verrà da ruotare il bacino dalla parte opposta alla spalla d’ingresso. Abbiamo eseguito un roll (una capriola più complessa, per dirla semplice) completo.

Roll esecuzione completa

Considerazioni sul Roll

Come detto all’inizio imparare un roll decente comporta grande determinazione e voglia d’apprendere, sarà frustrante e sicuramente vi metterà fuori uso una spalla molte volte durante gli allenamenti, ma è fondamentale dedicarci del tempo, la dedizione sarà ripagata ve lo assicuriamo.

Questo è il movimento che, insieme alla climb up, ci permette di essere efficienti e fluidi durante gli spostamenti verticali ed è quindi importantissimo per essere dei buoni traceur.

Il Roll Parkour

Per info e contatti:

Filippo Coen
Sito: www.sangoparkour.com  Mail: [email protected]

Emanuele Snider
Mail: [email protected]  Luogo: Mandello del Lario (LC)

Francesco “Rosso” Mazzù
Sito: www.milanmonkeys.com  Mail: [email protected]

Sango ParkourLogo Rosso

Approfondisci le conoscenze su "Esercizi a corpo libero" con:

Project Calisthenics

Project Calisthenics

Valutato 4.64 su 5

Ipertrofia e forza a corpo libero

 39,90 Aggiungi al carrello

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy